Organizzazione e FormazioneComunicazionePubblico e PrivatoSicurezzaAssistenza LegaleCoordinamento Pari OpportunitàPrevidenza


Benvenuto in UGL - Trasporto Pubblico Locale e Mobilità

Home
Visualizza Elenco Completo
Visualizza Tutti gli eventi

Il Segretario nazionale, Fabio Milloch, esprime a nome di tutta la federazione, all'amico Bruno Rossetti, le più sentite condoglianze per il grave lutto che ha colpito la sua famiglia.

 

Visualizzazione di .facebook_1474276709184.jpg

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2016, n. 175 TU SOCIETA' A PARTECIPAZIONE UNICA  
Preleva

 

Nella giornata di ieri in Cotral SpA si è svolto il referendum consultivo previsto dall’accordo siglato da Cgil Cisl Uil Faisa Sul per la produttività del personale, sottoscritto in data 29 luglio u.s.
La Ugl Autoferrotranvieri ha deciso di non sottoscrivere quell’accordo, perchè lo considera ingiusto nei confronti dei lavoratori. L’accordo infatti prevede di trasformare tutta la contrattazione di secondo livello in un “premio di produttività”, che viene erogato solo ed esclusivamente in base alla presenza effettiva, annullando di fatto il valore del secondo livello aziendale. Non solo: la presenza effettiva è solo quella produttiva, ed una serie di “assenze”, pur valide ai sensi di legge, come i permessi ex lege 104 per assistere parenti disabili, non sono considerate presenza.
Abbiamo proposto all’azienda una serie di modifiche che non ha voluto ascoltare …

 image

L’accordo prevedeva un referendum consultivo ,che si è svolto nella giornata di ieri. Abbiamo fatto del nostro meglio per informare i lavoratori tutti, con un ciclo di assemblee, con un confronto continuo con il territorio, affinchè ogni votante conoscesse le conseguenze di quella decisione, ovvero la rinuncia alla contrattazione di secondo livello, nei principi per cui era stata ottenuta, da generazioni sindacali passate ed il suo totale annullamento in cambio di “produttività”, che rappresenta invece solo un meccanismo che toglie.
Ebbene, oggi il quesito referendario è stato respinto!!!
Abbiamo avuto fiducia nella capacità di discernimento degli autoferrotranvieri, consapevoli che per la contrattazione di secondo livello e per i propri diritti si debba combattere, sempre.
Abbiamo ottenuto un risultato incredibile: una vittoria del no, quando il si era rappresentato da tutte le altre organizzazioni presenti in azienda. Abbiamo ottenuto una vittoria che ci regala la conferma di qualcosa in cui abbiamo sempre creduto: la profonda dignità dell’autoferrotranviere, che non è disposto ad accettare il male minore quando è consapevole dei propri diritti.

 

"Scioperiamo il 26 luglio, azienda e istituzioni sorde a questioni di sicurezza"
"L'Ugl ha deciso di confermare lo sciopero di martedi' 26 luglio per una ragione molto chiara, per cui da sempre si batte, la sicurezza dei lavoratori Atac e dei cittadini". Lo dichiara in una nota il segretario nazionale Ugl Autoferrotranvieri, Fabio Milloch, spiegando che "i vertici aziendali e anche l'amministrazione della Capitale recentemente rinnovata non appaiono in grado di ascoltare il nostro allarme, perche' ad oggi non e' stato ancora istituto un tavolo per affrontare tutti i nodi della sicurezza. Il nostro unico obiettivo e evitare incidenti, in cui potrebbero essere coinvolti i cittadini, oltre ai lavoratori. Incidenti a cui poi si tenta di porre rimedio con Commissioni di inchiesta che tuttavia non risolvono nulla, perche', non andando alla radice dei problemi, si perdono occasioni essenziali per fare opera di prevenzione" "In particolare - spiega il segretario di Roma e del Lazio dell'Ugl Autoferrotranvieri, Lucio Valeri - bisogna affrontare questioni come la scarsa manutenzione dei mezzi, degli scambi e delle rotaie, nonche' l'assenza di illuminazione in alcuni tratti delle gallerie della Metro".

uglnews sciopero 26 luglio  
Preleva

 

Via libera oggi da Regioni, Province e Comuni al riparto delle risorse per il rinnovo dei parchi automobilistici per il trasporto pubblico locale e regionale, su proposta del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e per l'anticipazione del 60% del Fondo Nazionale 2016 per il concorso dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, su proposta del ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, di concerto con Delrio. In base al riparto, 350 milioni andranno all'acquisto di nuovi autobus.

Per il rinnovo dei parchi automobilistici Tpl, lo schema di decreto di Delrio per il rinnovo dei parchi autobus utilizzati per i servizi di trasporto pubblico regionale e locale ha avuto il parere favorevole della Conferenza Stato-Regioni, presieduta dal ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Enrico Costa, e ripartisce tra le Regioni le risorse stanziate sul Fondo per l'acquisto di veicoli adibiti al miglioramento del trasporto pubblico locale.

Le risorse sono state ripartite con i criteri indicati dalla Legge di stabilita' 2015 (articolo 1, comma 224) ovvero migliore rapporto tra posto/km prodotto e passeggeri trasportati; condizioni di vetusta', nonche' classe di inquinamento degli attuali parchi veicolari; entita' del finanziamento regionale e locale; posti/km prodotti.

In particolare, si prevede il riparto di 352.449.622,59 euro di cui 227.449.622,59 euro per l'anno 2015 e 125 milioni per l'anno 2016.

Gli stanziamenti previsti sullo stesso Fondo per gli anni 2017, 2018 e 2019, confluiranno, dal 2017, sul nuovo Fondo istituito dalla Legge di stabilita' 2016 (articolo 1, comma 866) per il concorso dello Stato al raggiungimento degli standard europei del parco mezzi destinato al trasporto pubblico locale e regionale e per l'accessibilita' per persone a mobilita' ridotta, finalizzato all'acquisto diretto o tramite di societa' specializzate, alla riqualificazione elettrica o al noleggio dei mezzi adibiti al tpl.

Sul Fondo nazionale per l'esercizio Tpl 2016, alla Conferenza Unificata, presieduta dal ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Enrico Costa, e' stato approvato il parere sullo schema di decreto del ministro dell'Economia e delle Finanze Padoan, di concerto con il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Delrio, per l'erogazione dell'anticipazione del 60% del Fondo Nazionale 2016 per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario, nelle regioni a statuto ordinario.

Lo schema di decreto e' relativo all'anticipazione del 60% dello stanziamento per l'esercizio 2016, pari a 2.834.260.285,04 euro su 4.850.776.000,00 euro del Fondo nazionale (art. 16 bis, comma 6, decreto-legge 95/2012).

L'importo dell'anticipazione viene ripartito ed erogato al netto delle penalita' applicate alle Regioni che, nel 2015, non hanno raggiunto gli obiettivi di efficientamento e razionalizzazione.

 
Portale UGLEnasCaf UGLEnofIperAleCiscoSeiAssocasa